Manege a trois

Non, non è l’ennismo errore di battitura in uno dei miei post. No, non è nemmeno il resoconto di un weekend allo scoperta del red light district (abbiate fede, prima o poi farò un giro pure là e scriverò anche di quello).

De Hollandsche Manege

Domenica, approfittando della giornata pazzesca di sole, abbiamo portato lo gnomo a sfogare un po’ della sua carica adrenalinica giovanile… dal momento che persevera a non voler dormire una notte filata, le stiamo provando tutte: abbiamo eliminato la pennica pomeridiana, abbiamo aumentato le dosi di latte pre-nanna (si sa mai che magari la digestione gioca dalla nostra parte) e, soprattutto, cerchiamo di non fargli mai mancare delle belle attività all’aria aperta che stancherebbero anche un maratoneta.

Risultati scarsissimi, ma se non altro ci facciamo delle favolose passeggiate.

Dunque, dicevamo, ieri mattina Memi ed io abbiamo pensato di mostrare al libero pensatore una delle nostre mete preferite, dove più volte alla settimana andiamo a trovare Millie, la passione del nanerottolo: francese, folta chioma, slanciata, elegante. Insomma, ciò che ogni mamma sogna per il proprio figlio. Peccato che la “lei” in questione sia un cavallo, uno dei tanti che incontriamo ogni volta che varchiamo il cancello del De Hollandsche Manege.

Stemma Manege

Quindi, eccoci tutti e 3 pronti a passare un’oretta a zonzo per le stalle: Memi in visibilio, il libero pensatore armato di macchina fotografica (tutti questi scatti sono opera sua) e io intenta a fare lo slalom tra il fango e ciò che ci assomiglia ma è molto peggio.

Lo gnomo è così in fissa con i cavalli che abbiamo fatto l’abbonamento annuale: 30€ e per i prossimi 12 mesi lo gnometto potrà intrufolarsi dentro il maneggio tutte le volte che vuole. La tessera include anche cappuccino o tisana gratuita per gli adulti… finchè la mania per l’equitazione ci costa così poco possiamo anche darci un (finto) tono e assecondarla no? Magari potrei pure comprarmi degli stivali da cavallerizza, giusto per sembrare una che ne sa a pacchi e non limita la sua conoscenza alle 2 regole base che mi hanno insegnato quando mille anni fa ho preso lezioni di monta all’americana (ovvero, mai mettere le mani in bocca al cavallo e mai camminare/passare/sostare dietro ad un cavallo, manco se sta dormendo). Ecco, forse se ci aggiungiamo lo shopping a tema inizia a non essere più una passione così economica. Mmmmmmmmmm… Oppure potrei acquistare un frustino, che quello mi può sempre tornare utile se il teppistello sotto il metro continua a crescere così selvaggio. Mmmmmm, questo in realtà non rientrerebbe nella voce shopping ma finirebbe giusto giusto nella colonna investimenti. Vabbè ci penso.

Interni

Fatti salienti della mattinata? Memi che si infilava nelle stalle, Memi che voleva essere preso in braccio per accarezzare i cavalli, Memi che doveva assolutamente arrampicarsi sul parapetto del ring per vedere quelli che facevano lezione, Memi che ha pestato quello che avrei tanto preferito non pestasse… Non aggiungo altro e lascio parlare le foto: il posto è davvero magnifico e, ironia a parte, vedere la belvetta che guardava ammirato quelli che rispetto a lui sono degli animali giganti mi ha fatto solo che piacere.

IMG_1010 ok

IMG_1014

IMG_1028

IMG_1041

IMG_1042

IMG_1018

Non soddisfatti, il nostro piano diabolico si è concluso con un giro a Vondel Park con tanto di monopattino, giusto per non lasciare nulla di intentato… giusto che un dice “almeno ci ho provato”… giusto perchè ti viene da pensare “uno che è alto 86 cm e ha 2 gambette corte si stancherà no dopo aver spinto il suo monopattino per 2 ore?”…

Monopattinando

IMG_1068

Col cavolo che ha funzionato, sua piccolezza reale –  sveglio dalle 6.45 – è crollato solo alle 21.00. L’ultima volta che sono entrata in camera sua ieri sera stava facendo roteare in aria il ciuccio usando i piedi e, considerando che i suoi sembrano due pagnotte tanto sono grassottelli, si tratta di un’attività davvero complessa.

Ho capito perchè gli piacciono i cavalli, non gliene frega un tubo di fare il fantino: vuole specializzarsi nel circo.

Annunci

6 thoughts on “Manege a trois

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...